Social network: è un pericolo?

In questo ultimo periodo si è fatto un gran discutere di autoreferenzialità, social network e …

Tutto è nato a seguito della pubblicazione su Nova24 della mappa della blogosfera italiana realizzata da Ludo.

Capita giusto giusto un articolo (segnalatomi dal papà di DRClink): “Social network users have ruined their privacy, forever”, si tratta di una analisi molto critica sull’evoluzione sociale che sta vivendo il web in questi ultimi anni. Riporto qui alcuni stralci estratti dall’articolo:

[…] I am concerned that from some of the posts I have seen, by colleagues, students and others, that there is a deep societal problem emerging of people giving up their privacy without realising it” […]

There’s more to worry about on the web than predators and viruses. We’re giving everyone access to our personal lives. […]

Then came what some people like to call ‘Web 2.0’. On that wave of “let’s pretend we’ve upgraded the Internet, LOL” came the social-networking websites… along with those terrible pages of drivel people like to call ‘blogs’. It became cool to talk about mundane things and show other people what had been happening in your life. […]

Social networking users need to take a step back and think about just what they’re posting onto the Internet. It’ll probably be too late for a number of people, and it’ll take a lot more ‘victims’ of the lack of privacy before most users actually start heeding these warnings. […]

A me sembra una preoccupazione esageratamente eccessiva, nell’aspetto sociale del web vedo molti più punti positivi che negativi, tu cosa ne pensi?

Non “imparate” Twitter all’autore dell’articolo!!!

3 Comments

  • Tuesday, January 2, 2007 - 5:40 pm | Permalink

    beh, in effetti la quantità di informazioni personali che si seminano in giro è notevole, si suppone sempre che gli utenti lo facciano in piena consapevolezza.

    finchè qualcuno non ne approfitterà per fare dei danni, come al solito, tutto bene.

  • Tuesday, January 2, 2007 - 6:58 pm | Permalink

    in effetti è una tendenza abbastaza visibile da un paio di anni: da una parte vogliano la nostra privacy, ci scandalizziamo e protestiamo contro il grande fratello che ci spia e traccia i nostri dati, dall’altra invece siamo proprio noi che pubblichiamo dati molto personali in rete.

    Cmq quando si parla di social network io non penso tanto agli amici che bloggano su internet e che condividono foto su flickr, penso invece a tutti quei servizi che sfruttano le informazioni introdotte dagli utenti e che tramite matching riescono a suggerire o fornire dati interessanti.

  • Thursday, January 4, 2007 - 2:18 pm | Permalink

    Ci avevo pensato anch’io tempo fa…

    E se i ladri usassero Internet?

    L’importante è non eccedere nel dare informazioni personali, come per molte cose basta un po’ di buon senso…

  • Comments are closed.