Monthly Archives: May 2007

Altro

Second life, real bubble?

Second LifeContinuo a non capire il sempre più crescente interesse che Second Life sta riscuotendo, sopratutto sui media tradizionali. Io la reputo una gigantesca bolla alimentata dalle campagne marketing della aziende di primo piano. E pare che l’Europa ci sia dentro alla grande, molto più che l’America.

Poi quando la bolla scoppierà tutti a piangere e a tagliare gli investimenti nelle cose che realmente funzionano sulla rete …

P.S.: io faccio parte, penso in buona compagnia, di quelli che aiutano a dopare le fantasmagoriche statistiche di accessi unici a SL, senza che si consideri la frequenza di utilizzo (vedi articolo di TechCrunch), ho infatti creato un account per curiosità che però ho subito abbandonato! Sto valutando l’ipotesi di suicidarmi nella mia second life, ma la cosa non è che mi attiri un granché …

Altro

Aperitivo con il CEO

Sono stato invitato ad un aperitivo in cui Stefano Venturi, CEO di Cisco Italia, incontrerà una gruppo di blogger italiani per discutere di Unified Communication, i nascenti lifestyle digitali delle aziende e dei consumatori, i social network, i blog e il nostro “Human Network”.

Essendo a Milano sarà un piacere per me essere presente, chi c’è?

Altro

Enterprise 2.0 as a corporate culture catalyst

Sempre sull’argomento reti sociali all’interno delle aziende c’è un interessante post su ZDNet:

Enterprise 2.0 as a corporate culture catalyst by ZDNet‘s Dion Hinchcliffe — I’ve only recently had a chance to catch up and read Tom Davenport’s post a few weeks ago about his skepticism of Enterprise 2.0′s ability to wreak significant cultural and hierarchical change inside organizations. Those of you tracking the Enterprise 2.0 story know the drill, namely that applying Web 2.0 tools and platforms inside organization may or may not — depending on who you are talking to — improve the way we collaborate, run our businesses, and even potentially tap major new veins of previously unexploitable worker productivity. I myself tend to be a bit biased because I’m very close to many uses of these technologies and their use in the field. And that’s shown me that if one trend stands out clearly above the fray, it’s that most organizations are rapidly embracing these tools today, either from the top-down or at a grassroots level, and often both.

Altro

Jerry Sloan for President!

Utah JazzGli Utah Jazz sbancano il Toyota Center e fanno fuori Houston nel primo turno dei playoff NBA.

Ora sotto con gli altrettanto sorprendenti Golden State Warriors.

A T-Mac non resta che proseguire la serie su NBA Live 2007

NBA Live 07

Altro

Come sarebbe se …

Quanto spenderei se avessi un altro piano telefonico di un gestore telefonico? Con chi spenderei meno in base alle mie chiamate?

ComeSarebbe.se ha la risposta, ecco la mail che ho ricevuto:

Il miglior piano tariffario in base al tuo dettaglio chiamate è:
Vodafone Easyday Special*
con cui avresti speso 8,40 Euro invece di 11,90 risparmiando 3,40 Euro.
Costo di attivazione nuovi clienti: 0 Euro.
Costo di attivazione clienti Vodafone: 8 Euro.
Costo fisso mensile di mantenimento: 0 Euro.

* Attenzione! Con questo tipo di piano, trascorsi 30 giorni senza alcuna ricarica, sara’ applicata una tariffa maggiorata del 66%.

!!! Siamo in fase di test. Il risultato potrebbe non essere attendibile
!!! Oggi il confronto è attivo solo sui piani Vodafone.
!!! Per ora alcune tipologie di addebito vengono escluse dal confronto: internazionali, roaming, numeri e servizi speciali.
!!! Grazie di averci scritto, perché ogni dettaglio chiamate che riceviamo aumenta la nostra precisione.

tariffe@comesarebbe.se

Si tratta di un servizio appena lanciato, se vuoi anche tu sapere quale sarebbe il tuo piano telefonico ideale basta inviare un’email all’indirizzo tariffe@comesarebbe.se allegando il dettaglio delle tue chiamate.

Un in bocca al lupo a ComeSarebbe.se!